Capo-d’Orlando-Messina.jpg

Tour Acquedolci -
Capo d'Orlando by night

Soci

€40,00

persona

Non Soci

€60,00

persona

Durata

3 ore circa

*Bambini di età inferiore a 8 anni GRATIS.
*Bambini di età compresa tra 8 e 13 anni 10,00€.

Vuoi diventare un nostro socio? Scopri di più!

Tour in Fiat 500 d'epoca tratta Acquedolci -  Capo d'Orlando by night

Alla scoperta di Capo d'Orlando.

Geograficamente Capo d’Orlando si colloca sulla costa settentrionale sicula, con la visuale delle Eolie, fra Capo Calavà e Cefalù. 

Morfologicamente il territorio può dividersi in due parti nettamente distinte: la Piana a forma di triangolo molto allungato, ed il territorio subcollinare accidentato, con pendenze talora notevoli e caratterizzato da ammassi rocciosi singolari come quelli del Capo che ha dato il nome alla cittadina.

La Piana, alluvionale e ricca di acque, si presenta ancora come un grande tappeto sempreverde formato dal fittissimo agrumeto che la ricopre.   

Vi sono tre punti, quasi osservatori astronomici, da cui godere la vista dei paesaggi da cartolina che Capo d’Orlando può offrire. Il mare è l’elemento vivificatore di energia e la fantastica cornice di questa cittadina: pochi metri da ogni parte dell’abitato per trovarsi sulla spiaggia di sabbia e ghiaia che per vari chilometri si allunga in un perfetto rettifilo con la visione delle Eolie. L’esposizione ai venti, le correnti, il ricambio d’acqua continuo, rendono il mare di Capo d’Orlando ideale per la balneazione almeno cinque mesi l’anno, da maggio a settembre.

La spiaggia, possiede due caratteristiche peculiari: lunga, ampia e sabbiosa nel tratto antistante il centro abitato; sabbia, calette, tratti di scogliere e faraglioni ad est del Capo, fino al borgo S. Gregorio, il porto, Testa di Monaco. Proprio qui, in un fondale che non supera i 10 metri, è possibile avvistare qualche cernita e qualche sarago, nascosto nelle tane e anfratti della roccia. Spostandosi verso il largo, ad una distanza di circa 400 metri dalla riva, vi è “ ‘u scogghiu du zu Petru”.

castello-bastione.jpg
MG_7925.jpg

Capo d'Orlando non possiede solamente viste paesaggistiche e spiagge con acque meravigliose, ma vi sono anche numerosi punti culturali, come il Castello Bastione o Torre del Trappeto, il quale è stato edificato o riedificato, nella pianura di Malvicino, su precedenti ruderi tra il 1300 e il 1600. La pianta dell’edificio è pressoché quadrata e i lati misurano circa m 16,50. La funzione della Torre era quella di difendere le fabbriche e le rigogliose piantagioni di “cannamela” (dalla lavorazione di questa pianta si ricavava lo zucchero, prezioso per il commercio in quei tempi), dall’attacco dei nemici. Oggi il “Bastione” e l’area circostante, che comprende un rigoglioso giardino, sono destinati ad ospitare mostre e manifestazioni artistiche e culturali, offrendo una suggestiva scenografia per rappresentazioni teatrali.

big_faro-di-capo-d-orlando-cosa-vedere-a-capo-d-orlando-messina-nebrodi-sicilia-ttatta-go.

Il Santuario di Maria Santissima, una delle strutture più importanti e belle della città di Capo d’Orlando. L'edificio sorge nel centro storico, a pochi passi da numerosi altri luoghi d’interesse. Si tratta del principale luogo di culto del territorio, intitolato a Maria Santissima di Capo d’Orlando, conosciuta anche come Madonna di Capo d’Orlando, ovvero la Santa Patrona di questa splendida località balneare che gode di particolari attenzioni da parte dei turisti. Il Santuario di Maria Santissima venne costruito nei primi anni del Seicento, esso si compone di una sola navata, e diverse cappelle, dove, la più grande è dedicata alla Madonna di Capo d’Orlando, in cui è posto anche il suo attuale Simulacro, qui presente dal 1925, sostituito in seguito al furto della leggendaria scultura di fine Cinquecento.

Il Faro di Capo d'Orlando è un punto di riferimento per i pescatori della costa e il simbolo del paese insieme al monte della Madonna. la sua costruzione risale ai primi anni del 1900. La costruzione di questo faro fu decisa inseguito all'intensificarsi delle attività marittime e marinare della città della fine dell'800. In quegli anni Capo d'Orlando divenne lo scalo commerciale dei paesi collinari e montani dell'entroterra. Esso ha una pianta quadrata, di colore rosa accostata ad un ulteriore edificio.

capo-dorlando-porto.jpg
big_porto-turistico-capo-d-orlando-marina-cosa-vedere-a-capo-d-orlando-nebrodi-sicilia-tta

Una splendida esperienza a bordo della Fiat 500 d'epoca 

Itinerario

  • Partenza Museo della 500 sui Nebrodi Acquedolci;

  • Giro in 500 per il centro di Capo d’Orlando;

  • Tappa presso il porto;

  • Visita al Monte della Madonna;

  • Degustazione;

  • Rientro presso il Museo della 500.

N.B: tutti i percorsi potranno subire variazioni oppure non seguire l’ordine scritto.